Sei in gravidanza

shutterstock_93784327

Da madre di due figli tengo molto all’aspetto nutrizionale nello stato di gravidanza, che oltre a essere importante per la salute del bambino, e’ fondamentale per raggiungere e mantenere uno stato di benessere per la madre, non solo durante i nove mesi di gravidanza, ma anche dopo il parto.

E’difficile mettersi a dieta in gravidanza; le nausee che spesso ci affliggono i primi mesi, la voglia di zuccheri, la ridotta attivita’fisica, spesso portano le donne gravide a lasciarsi un po’andare per rimandare a dopo il parto eventuali diete per rimettersi in forma. Il risultato e’ che dopo il parto ci si ritrova con diversi chili di troppo e un bimbo che richiede tutte le nostre energie e attenzioni. Se si allatta al seno poi, non e’proprio consigliato mettersi a dieta!

Insomma abbiamo passato nove mesi a dire che subito dopo il parto avremmo fatto tutto il possibile per rientrare in forma e adesso non ne vogliamo proprio sentire e oltretutto non riusciamo ad accettare di essere piu’ quelle di prima.

Nel momento in cui programmiamo una gravidanza e’ importante valutare il nostro stato di salute, ma anche tenere sotto controllo il peso: sara’molto piu’facile infatti mantenersi in forma durante la gravidanza se partiamo da una situazione di normopeso.

E che dire invece di chi parte sottopeso? Spesso sono proprio queste donne, che approfittando del fatto che devono perdere peso per sostenere la gravidanza si nutrono in maniera sregolata e poco sana. Anche queste donne devono considerare che la qualita’ di cio’ che mangiano e’importante per il loro bambino e per il loro benessere.

Il mio approccio non e’quello di proporre diete rigide: sono convinta che una donna incinta debba pensare a nutrirsi al meglio per garantire una sana crescita fetale e prevenire disturbi e complicazioni, ma debba essere libera di scegliere i cibi secondo i suoi gusti e senza rinunciare a concedersi qualche sfizio.

Un piano nutrizionale personalizzato deve tenere conto dello stile di vita della donna, che spesso lavora fino all’ultimo mese di gravidanza, della gestione delle nausee dei primi mesi e dell’alterazione dei gusto che spesso si protrae fino al parto, senza sottovalutare l’aspetto psicologico e l’ansia che spesso accompagna questo periodo cosi’ particolare della vita di una donna.

Niente diete drastiche, niente privazioni, ma un approccio educazionale che vi portera’ ad alimentarvi al meglio e trarre energia  e benessere dagli alimenti che’ vi piacciono e sentirvi bellissime anche con il pancione.

CONDIVIDI QUESTO CONTENUTO SU: